Cresce in Italia N26, prima Banca Mobile Globale solo su smartphone

Non ha bisogno del sistema bancario tradizionale. Guardando ai tassi di crescita, il nostro paese è il terzo mercato, dopo Germania e Francia.

1829 0
1829 0

N26 é la 1a Banca Mobile Globale per smartphone d’Europa con licenza bancaria completa, disponibile in 17 Paesi. Ha raggiunto oltre mezzo milione di clienti in appena 18 mesi. Un vero boom soprattutto tra i giovani, anche se il 40% degli utenti ha oltre i 35 anni. La startup tedesca (sede a Berlino, dove per l’Italia è presente un team dedicato) con 290 dipendenti, sta diventando una delle maggiori società europee di fintech: il volume delle transazioni ha superato i 5 miliardi di euro.

Il processo per l’apertura di un nuovo conto corrente dura solo 8 minuti e può essere completato interamente da smartphone. Nel conto è inclusa gratuitamente una Mastercard per pagare elettronicamente o prelevare denaro in tutto il mondo.

N26 non ha costi mensili e offre bonifici gratis + prelievi gratis in tutti gli sportelli bancari nella zona Euro. La app N26 è disponibile su Android, su iOS e su desktop. Tra le altre cose, sarà anche compatibile con Apple Pay entro fine anno.

La startup ha ricevuto sinora più di $55 milioni da venture capitalist come Horizon Ventures di Li Ka-Shing, Battery Ventures e Valar Ventures, in aggiunta ai membri del consiglio di amministrazione di Zalando, EarlyBird Ventures e Redalpine Ventures.

Gli utenti crescono a ritmi sostenuti anche in Italia, come conferma Matteo Concas (foto in alto), general manager di N26 per il nostro paese: “Guardando ai tassi di crescita oggi l’Italia è il terzo mercato, dopo Germania e Francia, per N26 e puntiamo a chiudere l’anno con 50mila clienti”.

“Stiamo lavorando per rendere ancora più semplice la sottoscrizione – ha spiegato Concas – al fine di permettere agli utenti italiani di utilizzare la loro carta di identità cartacea, cosa che al momento non è ancora possibile per via delle differenze normative che vi sono tra i vari Paesi”.

VIDEO https://www.youtube.com/watch?v=LpxnSRA2OLw

In this article

Scrivi un commento