Borse Europa in calo, Londra invece sale al top con materie prime

L’azionario europeo è generalmente debole questa mattina, con la borsa di Londra in controtendenza sui massimi sostenuta dal buon andamento dei titoli legati alle materie prime. ** Alle …

349 0
349 0

L’azionario europeo è generalmente debole questa mattina, con la borsa di Londra in controtendenza sui massimi sostenuta dal buon andamento dei titoli legati alle materie prime.

** Alle 11,40 italiane circa il paneuropeo STOXX 600 segna -0,45%. Il FTSE 100 +0,24%, nella sua decima seduta consecutiva di rialzo.

** L’indice del comparto dei titoli minerari registra alla stessa ora +0,1%.

** Un ribasso di oltre il 5% della tedesca Lufthansa appesantisce il settore del turismo.

** Anche le telecom sono in calo (-1,4%) con Vodafone che perde quasi il 2% dopo che UBS ha tagliato il target price sul titolo.

** La tedesca Fresenius Medical lascia sul terreno oltre il 6% dopo essere stata oggetto, con la rivale Usa DaVita, di un mandato di comparizione da parte delle autorità federali che stanno investigando circa i loro rapporti con una charity che aiuta i dializzati. ** La mid cap britannica William scende del 3,8% dopo aver riportato profitti nella parte bassa delle attese. ** Tra i titoli positivi, la francese Casino Guichard che sale del 5% dopo un upgrade da parte di Bank of America Merrill Lynch a seguito di una semplificazione della struttura societaria giudicata vantaggiosa per il titolo.

** Sotto i riflettori anche il settore auto, con Volkswagen che sale del 4,4% dopo aver communicato vendite in progresso del 2,8% nel 2016, guidate dall’espansione in particolare sul mercato cinese. (Reuters)

Borsa: Europa debole, Milano -1,5%

Prevalgono le prese di beneficio sui principali mercati europei dopo una seduta non entusiasmante in Asia, dove Tokyo è stata chiusa per festività e con i futures su Wall Street in rosso, in attesa dei dati sul credito al consumo negli Usa a novembre, previsti in rialzo da 16 a 18 miliardi di dollari, che verranno però diffusi a mercati chiusi.

Milano (Ftse Mib -1,51%) è la peggiore, con forti vendite su Banco Bpm (-4,41%) a seguito di un vero e proprio rally iniziato con la prima seduta dell’anno.

Sotto pressione in campo bancario anche Unicredit (-4%) i cui soci si riuniscono in assemblea giovedì prossimo per esprimersi sull’aumento di capitale da 13 miliardi, che annulla il rialzo delle sedute di inizio anno e si riporta sui livelli dello scorso 30 dicembre.

Debole Parigi (-0,77%, dove Nokia perde il 2,9%, Axa il 2,2% e Bnp il 2,16%. In rosso anche Francoforte (-0,58%), dove Fresenius cede il 6,2% e Lufthansa il 5,32%), mentre corre Volkswagen (+3,7(%), nel giorno del Salone di Detroit.

 

In this article

Scrivi un commento