Trump Hitler Assad: “Nemmeno lui aveva usato gas”. Ebrei furiosi

«Ho sbagliato, chiedo scusa». Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, in un’intervista alla Cnn dopo la gaffe del parallelo fra Adolf Hitler e il presidente …

248 0
248 0

«Ho sbagliato, chiedo scusa». Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, in un’intervista alla Cnn dopo la gaffe del parallelo fra Adolf Hitler e il presidente siriano Bashar al-Assad. È stato un parallelo «inappropriato». Le scuse arrivano dopo la clamorosa gaffe del portavoce che si era lanciato in un parallelo fra Adolf Hitler e il presidente della Siria Assad.

Spicer apologizes for Hitler comparison: ‘It was a mistake to do that’

«Non abbiamo usato armi chimiche durante la Seconda Guerra Mondiale. Neanche una persona spregevole come Hitler è caduto al livello di usare le armi chimiche». Peccato che milioni di ebrei siano morti nelle camere a gas dei campi di sterminio nazisti. Con una giornalista che ha chiesto chiarimenti, Spicer ha tentato di correggere il tiro. Ma la precisazione è stata forse ancora più controversa: «Hitler non ha usato gas sulla sua gente nello stesso modo in cui lo fa Assad. Portava la gente nei centri dell’Olocausto», espressione con la quale voleva riferirsi ai campi di sterminio.

La doppia figuraccia di Spicer ha scatenato la rabbia dei democratici, dei social network e del Centro Anna Frank, che ha invocato il licenziamento in tronco del portavoce: in un messaggio pubblicato su Facebook, il direttore esecutivo del centro con sede a New York ha scritto che Spicer «manca dell’integrità» necessaria per la sua posizione.

Per democratici, Tom Perez chairman del DNC, ha scritto:

Durante la conferenza stampa di oggi alla Casa Bianca Sean Spicer casualmente ha respinto la storia dell’Olocausto, negando che Hitler “abbia gassato la sua stessa gente” e sostenendo che lui “non e’ sceso cosi’ in basso nell’ usare armi chimiche.”  Anche se questo era un caso di semplice ignoranza, c’è una vena di antisemitismo che attraversa l’amministrazione Trump fin dal primo giorno. 

Negare le atrocità commesse da Adolf Hitler e il regime nazista è una tattica provata e usata da gruppi di neo-nazisti e suprematisti bianchi che si sono sentiti incoraggiati subito quando Donald Trump ha annunciato la sua campagna per la presidenza. Alcuni di questi gruppi si sono affrettati a tessere  le lodi Spicer per i suoi commenti di oggi, proprio come hanno fatto quando la Casa Bianca non ha menzionato la comunità ebraica nella loro dichiarazione il Giorno della Memoria. 

L’amministrazione Trump ha parimenti respinto l’aumento dei crimini d’odio da quando Trump è stato eletto e, l’aumento delle minacce di attentati contro i centri della comunità ebraica, e la profanazione dei cimiteri ebraici.

Nel corso di una recente conferenza stampa, Donald Trump ha chiamato personalmente in causa un giornalista ebreo chiedendogli di questi atti di odio bugiardo.  E Trump ha elevato i suprematisti bianchi a posizioni di rilievo nella sua amministrazione. A un certo punto, ha anche riorganizzato il Consiglio di Sicurezza Nazionale per includere il suo suprematisto bianco capo stratega, Steve Bannon. 

Rifiutare e denunciare l’antisemitismo dalla Casa Bianca è un livello basso a sufficienza che anche questa amministrazione può cancellare.  L’amministrazione Trump deve chiedere scusa per questa dichiarazione oltraggiosa e per le loro abitudini di antisemitismo, e il suprematista bianco Steve Bannon deve essere licenziato. Adesso.

***

Clamorosa gaffe del portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. “Non abbiamo usato armi chimiche durante la Seconda Guerra Mondiale. Neanche una persona spregevole come Hitler è caduto al livello di usare le armi chimiche” ha affermato infatti Spicer per spiegare come la Russia si stia “mettendo dal lato sbagliato della storia” difendendo il regime del presidente siriano Bashar al-Assad che ha ucciso la sua gente con il gas.

Quando gli è stato fatto notare che i nazisti hanno ucciso milioni di ebrei con il gas, Spicer ha tentato una maldestra rettifica che ha persino peggiorato le cose. “Hitler non ha usato gas sulla sua gente nello stesso modo in cui lo fa Assad. Portava la gente nei centri dell’Olocausto”, ha detto Spicer riferendosi in questo modo ai campi di concentramento.

La doppia figuraccia di Spicer ha scatenato molte polemiche e il Centro Anna Frank con sede a New York chiede il suo licenziamento. In un messaggio pubblicato su Facebook il direttore esecutivo del centro ha sottolineato che Spicer “manca dell’integrità” necessaria per la sua posizione.

 

In this article

Scrivi un commento